Monnalisa '82

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi sono

Artista

Antonio Romano nasce il 01 giugno 1937 a Potenza dove attualmente vive e lavora. Dal 2005 ha aperto nel suo studio – galleria una mostra permanente di sue opere pittoriche.

La passione per la pittura si è espressa fin da giovane, ritraendo occasionalmente la natura che lo circondava; il suo primo quadro è del 1972 raffigurante un paesaggio della terra lucana.
Da allora fino ad oggi, ad intervalli di tempo scanditi dall’emotività dell’artista – “ci sono momenti in cui deve, come se una forza sovrumana lo sospingesse, armarsi di pennelli e barattoli di vernici e tele bianche e travasare (letteralmente) le fantasie oniriche della sua mente mediate dai gesti. Nascono, così, paesaggi sconosciuti, mai visti, mai pensati, che sembrano strappati ai sogni” da Critica di De Vita – si sono susseguite tante opere da autodidatta che “rimandano inevitabilmente ad un grande maestro del Novecento mondiale che è l'americano Jackson Pollock le cui tele hanno fornito informazioni preziose sul funzionamento del cervello umano e sui cervelli elettronici con i loro infiniti scambi di informazioni in frazioni infinitesime di secondo”.

Per il critico Pierpaoli, Antonio Romano è elegiaco, e i suoi dipinti sono di una dolcezza straziante. La sua lezione consiste nell'indicare un nuovo modo di guardare la natura: nuovo, rispetto anche al recente passato. Realizza la sintesi stupenda degli elementi di scienza e poesia e presenta i suoi sussurranti paesaggi velati, adoperando la “meraviglia” nello stesso modo in cui si adoperano i sensi: per entrare in relazione con sé e con l'esterno: ogni sua opera è una visione “meravigliata” e meravigliosa di ciò che è contemporaneamente dentro e fuori di lui.

Alcune opere di Antonio Romano si trovano presso enti nazionali e collezioni private sparse in tutto il mondo, come il dipinto intitolato “Omaggio alla Primavera” (dimensioni: cm 220x120 – Olio su compensato) acquistato nel 1987 dal Senatore americano Marvin  Slomowitz.

Romano e Philippe Daverio
 
Torna ai contenuti | Torna al menu